fbpx

Previdenza

Il CAF e Patronato Alteya è al tuo fianco nella difesa dei tuoi Diritti, fornendoti un orientamento adeguato e un supporto efficace per l’accesso alle prestazioni necessarie alla tutela della tua salute e della tua economia famigliare.

Alteya, oltre a fornirti una consulenza sempre aggiornata su prestazioni ed agevolazioni, completa il servizio con il disbrigo delle varie pratiche, il calcolo e la compilazione dei moduli necessari, fino alla trasmissione diretta o telematica degli stessi.

Contattaci al 340.82.46.395 per prenotare un appuntamento e scopri in questa pagina le documentazioni necessarie per l’attivazione dei principali servizi.

ESTRATTO CONTRIBUTIVO


Consente di ricevere il documento che raccoglie tutti i contributi versati, autonomamente o dai propri datori di lavoro.
Tramite l’estratto conto contributivo i lavoratori possono verificare la regolarità dei contributi versati suddivisi in base alla gestione in cui il lavoratore risulta iscritto.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

RICOSTITUZIONE PER MOTIVI CONTRIBUTIVI


La ricostituzione della pensione consente la rideterminazione dell’importo di pensione, entro termini stabiliti da specifiche disposizioni di legge, per effetto di riconoscimento di contribuzione (figurativa, obbligatoria, da riscatto) versata o maturata in data anteriore a quella di decorrenza della pensione medesima.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

INOLTRO TELEMATICO PENSIONE
(quota 100, opzione donna, pensione di vecchiaia)


Il servizio offre assistenza per la compilazione e la presentazione ai diversi enti previdenziali delle domande di pensione, tramite invio telematico.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

PENSIONE DI INVALIDITÀ CIVILE


I cittadini italiani e dell’Unione europea residenti nel nostro paese nonché gli extracomunitari in possesso del permesso CE-SLP, a seconda della percentuale di invalidità loro accertata, in base alla legislazione attualmente in vigore, possono accedere alle prestazioni economiche se in possesso di ulteriori e specifici requisiti relativi all’età, al reddito, al mancato svolgimento di attività lavorativa e alla frequenza scolastica.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

PENSIONE SUPPLEMENTARE


La pensione supplementare è una prestazione economica liquidata, a domanda, al lavoratore che può far valere contribuzione accreditata nell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, vecchiaia e superstiti non sufficiente a perfezionare il diritto ad un’altra pensione (vecchiaia o assegno ordinario di invalidità) con i requisiti contributivi normalmente richiesti.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

RICONGIUNGIONE / TOTALIZZAZIONE / COMPUTO CONTRIBUTI


I lavoratori che hanno svolto lavori diversi, per i quali sono stati accreditati contributi in più gestioni previdenziali (per esempio, fondo pensioni lavoratori dipendenti, gestioni speciali dei lavoratori autonomi, gestione separata, gestioni esclusive dei lavoratori del settore pubblico, etc.), possono unificare gratuitamente i vari contributi per ottenere un’unica pensione.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

CALCOLO PENSIONE
(quota 100, opzione donna, pensione di vecchiaia)

 

Per effettuare il calcolo della pensione si applicano sistemi di calcolo differenti in base alla categoria a cui il lavoratore appartiene, alla gestione previdenziale a cui è iscritto, al numero di contributi e all’arco temporale in cui sono stati versati.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

PENSIONI INDIRETTE E DI REVERSIBILITÀ


La pensione ai superstiti è un trattamento pensionistico riconosciuto in caso di decesso del pensionato (pensione di reversibilità) o dell’assicurato (pensione indiretta) in favore dei familiari superstiti.
La pensione di reversibilità è pari ad una quota percentuale della pensione del dante causa.
La pensione indiretta è riconosciuta nel caso in cui l’assicurato abbia perfezionato 15 anni di anzianità assicurativa e contributiva ovvero 5 anni di anzianità assicurativa e contributiva di cui almeno 3 anni nel quinquennio precedente la data del decesso.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

SUPPLEMENTO DI PENSIONE


Il supplemento è un incremento della pensione liquidato, a domanda, in base alla contribuzione di periodi successivi alla data di decorrenza della pensione medesima. I contributi successivi alla decorrenza del primo supplemento consentono la liquidazione di ulteriori supplementi.
Il supplemento di pensione si somma alla pensione già in essere e diviene parte integrante di essa dalla data del supplemento stesso.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

MODELLO RED


Il modello RED è un documento di richiesta dati che viene inviato dagli enti pensionistici ai pensionati, che permette di verificare l’esistenza di presupposti per poter percepire prestazioni previdenziali e assistenziali vincolate al reddito. Tale modello, verifica la posizione reddituale del pensionato, con riferimento ai redditi percepiti in aggiunta a quelli corrisposti direttamente dall’ente.

– Fotocopia carta d’identità e codice fiscale del dichiarante, del coniuge (anche non fiscalmente a carico), dei figli o altri familiari a carico
– Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o unico), compresi eventuali F24 pagati
– Certificazione unica
– Assegni periodici percepiti o versati dall’ex coniuge in base a sentenza del tribunale (necessari codici fiscali di entrambi gli ex coniugi)
– Visure catastali per immobili o terreni di proprietà
– Atti di compravendita, atti di mutuo, atti di successione, atti di donazione/usufrutto/comodato d’uso
– Contratti di locazione registrati (stipulati in base alla legge 431/98) per gli inqulini in affitto
– Contratti di locazione registrati con canone percepito per chi affitta immobili a disposizone
– Interessi passivi mutuo acquisto prima casa e eventuali fatture notaio per la stipula del mutuo
– Fatture per intermediazione immobiliare per l’acquisto della prima casa
– Ristrutturazioni edilizie: fatture e bonifici specifici per le spese di ristrutturazione edilizia per manutenzione straordinaria e relative autorizzazioni e concessioni (CILA, SCIA, DIA, ENEA, ASL)
– Bonus mobili: fatture e bonifici specifici per le spese di arredo di immobili ristrutturati (solo per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici in classe A+ e a per i forni, è consentito anche il pagamento con bancomat e carta di credito, presentare le eventuali ricevute insieme alle fatture)
– Risparmio energetico: fatture e bonifici per spese di riqualificazione energetica, abbinate alla ricevuta di invio di comunicazione all’ enea
– Scontrini farmacia con evidenza del codice fiscale del contribuente, o del familiare fiscalmente a carico. Parafarmaci e fitioterapici NON possono essere portati in detrazione, i dispositivi medici possono essere portati in detrazione solo con “Marcatura CE”
– Spese mediche: fatture e parcelle per visite mediche specialistiche o generiche (con l’applicazione della marca da bollo ove obbligatorio), ricevute e ticket ospedalieri, interventi chirurgici, degenze e ricoveri, ricevute per acquisto di protesi (sempre con Marcatura CE), spese mediche estere con traduzione autenticata
– Spese sanitarie per portatori di handicap: spese di assistenza specifica e assistenza personale, portare una fotocopia del verbale invalidità e Legge 104, anche per l’acquisto di veicoli per portatori di handicap e spese sostenute per le badanti, spese per soggetti con “DSA”
– Spese scolastiche e universitarie: ricevute o quietanze di versamento per corsi universitari pubblici o privati, spese per la frequenza di scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (contributi scolastici, mensa, gite) spese per la frequenza di asili nido (dai 6 mesi ai 3 anni)
– Contratti di locazione per studenti universitari fuori sede a carico del genitore
– Spese attività sportive, ricevute o quietanze di pagamenti per figli a carico dai 5 ai 18 anni per attività sportive dilettantistiche (ASD o SSD)
– Assicurazioni vita / infortuni / rischio di non autossuficienza: ricevute o quietanze per l’anno fiscale ai fini della dichiarazione dei redditi
– Assicurazione INAIL – contributi versati per assicurazione obbligatoria casalinghe
– Contributi previdenziali colf e badanti: ricevute o quietanze dei MAV di pagamento trimestrale (dove si evincano le ore lavorate nel trimestre)
– Fondi di previdenza complementare: quietanze di versamento ai fondi
– Spese veterinarie: ricevute di pagamento per visite veterinarie animali domestici
– Erogazioni liberali: ONLUS / ONG / Istituzioni Religiose / Partiti politici
– Spese funebri: ricevute di pagamento connesse all’evento funebre
– Abbonamento trasporto pubblico: ricevute nominali di abbonamento al trasporto pubblico
– Tasse consortili: ricevute o quietanze di pagamento di spese er consorzi
– Spese acquisto cani guida

Scarica la lista della documentazione oppure stampala.

INVALIDITÀ E MALATTIA
SOSTEGNO AL REDDITO
LAVORO E FAMIGLIA
IMPOSTE E TRIBUTI