Maxwell 5

Questo

è

il

tuo

momento

Slider

Maxwell è un motore di rendering basato sulla fisica della luce reale; i suoi algoritmi e le sue equazioni riproducono il comportamento della luce in modo completamente accurato.
Tutti gli elementi in Maxwell, quali ad esempio gli emettitori di luce, gli shader dei materiali, le camere, ecc., sono completamente basati su accurati modelli fisici. Il metodo di calcolo di Maxwell converge sempre verso la corretta soluzione senza introdurre artefatti, in quanto utilizza un sistema di rendering unbiased.

Maxwell può riprodurre perfettamente tutte le interazioni luminose fra gli elementi presenti in una scena, senza riscontrare problemi anche in caso di geometrie 3D molto complesse. Tutta l’illuminazione viene calcolata usando le informazioni spettrali e i dati basati su range ad alta dinamica (HDRi).

Maxwell opera come una applicazione a riga di comando e come editor 3D stand-alone ed è adatto per la produzione di rendering ad altissima definizione, per l’architettura, per l’industria, per la prototipazione e per le produzioni 3D.

Lo stato dell'arte

Maxwell punta tutto sulla qualità. Questo è stato il mantra di Next Limit per quasi 15 anni di ricerca e sviluppo. Il nostro segreto è un motore unbiased privo di artefatti e fisicamente corretto, che produce non solo splendide immagini ma anche simulazioni accurate della luce. Maxwell è considerato lo stato dell’arte nel rendering e nella produzione CGI: ci impegniamo sempre al massimo per essere all’avanguardia.

REQUISITI MINIMI HW E SW

Windows 7 / 8 o 8.1 / 10
CPU: 64-bit Intel o AMD
RAM: 4GB minima; 8GB raccomandata
Scheda video OpenGL® accelerata
Mouse a tre pulsanti

macOS 10.10 / 10.11 / 10.12 / 10.13 / 10.14
CPU: Intel
RAM: 4GB minima; 8GB raccomandata
Scheda video OpenGL® accelerata
Mouse a tre pulsanti

VERSIONE DEMO

DOCUMENTAZIONE

Maxwell è un motore di rendering basato sulla fisica della luce reale; i suoi algoritmi e le sue equazioni riproducono il comportamento della luce in modo completamente accurato.
Tutti gli elementi in Maxwell, quali ad esempio gli emettitori di luce, gli shader dei materiali, le camere, ecc., sono completamente basati su accurati modelli fisici. Il metodo di calcolo di Maxwell converge sempre verso la corretta soluzione senza introdurre artefatti, in quanto utilizza un sistema di rendering unbiased.

Maxwell può riprodurre perfettamente tutte le interazioni luminose fra gli elementi presenti in una scena, senza riscontrare problemi anche in caso di geometrie 3D molto complesse. Tutta l’illuminazione viene calcolata usando le informazioni spettrali e i dati basati su range ad alta dinamica (HDRi).
Maxwell opera come una applicazione a riga di comando e come editor 3D stand-alone ed è adatto per la produzione di rendering ad altissima definizione, per l’architettura, per l’industria, per la prototipazione e per le produzioni 3D.

Lo stato dell'arte

Maxwell punta tutto sulla qualità. Questo è stato il mantra di Next Limit per quasi 15 anni di ricerca e sviluppo. Il nostro segreto è un motore unbiased privo di artefatti e fisicamente corretto, che produce non solo splendide immagini ma anche simulazioni accurate della luce. Maxwell è considerato lo stato dell’arte nel rendering e nella produzione CGI: ci impegniamo sempre al massimo per essere all’avanguardia.

MULTI-GPU

Il nostro motore di rendering è stato completamente riscritto nella versione 5 ed è ora in grado di sfruttare più GPU contemporaneamente: offre una velocità di oltre 50 volte maggiore rispetto a una CPU di fascia alta, preservando la qualità Maxwell e fornendo risultati in minuti o addirittura secondi.

Rendering su cloud

Il nuovo servizio Cloud Render consente di accedere ai sistemi più potenti disponibili su Cloud (fino a 96 core), accelerando il processo di rendering e migliorando così la produttività. I processi di rendering su Cloud possono essere facilmente inviati da Maxwell Studio e dai plug-in, liberando il computer da elevati carichi sulla CPU. Il Cloud Render aiuta a ottimizzare il tempo e le risorse dell’utilizzatore nel modo più efficiente.

Integrazioni

Maxwell è perfettamente integrato nella maggior parte delle principali soluzioni software CAD/3D come Rhino, SketchUp, Autodesk Maya, Autodesk 3DS Max, Revit, ArchiCAD e Cinema 4D. In alternativa, l’applicazione Maxwell Studio offre un ambiente di produzione e rendering indipendente per creare, modificare ed effettuare il rendering delle scene di Maxwell. Sono inclusi nodi di rendering e strumenti di rete per distribuzioni avanzate. Maxwell è disponibile per Windows, MacOS e Linux.

Novità di Maxwell 5

Servizio di cloud rendering sempre disponibile

Il nuovo servizio di Cloud rendering è integrato in Maxwell Studio e nei plugin supportati. Basta fare clic su un bottone e la scena di Maxwell viene renderizzata dai sistemi più veloci (96 core) disponibili su Cloud.

Play Video

Importazione scene V•Ray

Maxwell 5 è in grado di importare le scene native di V-Ray e convertirle automaticamente in formato Maxwell; questa proprietà è supportata solo in Maxwell Studio. L’integrazione di tale funzione con i Plugin è in fase di realizzazione.

Play Video

Gruppi luci (Multilight)

Le luci ora possono essere raggruppate e controllate come singoli emettitori nell’emixer di Multilight: è utile per mantenere i file MXI più compatti, ridurre l’impatto sulla memoria e diminuire la complessità nelle scene con molti emettitori.

Play Video

Materiali additivi in GPU

I materiali con livelli additivi sono ora compatibili con il calcolo tramite GPU, aumentando la compatibilità con la maggior parte dei materiali Maxwell.

Play Video

Interattività e stabilità migliorate

Il sistema Maxwell FIRE (Fast Interactive Render) è ora più veloce ed è stato ottimizzato per aggiornare istantaneamente la scena se vengono apportati dei cambiamenti, fornendo un flusso di lavoro interattivo ottimale.

Play Video

Texture procedurali

È possibile diversificare e aggiungere più realismo alla scena variando automaticamente le texture in maniera casuale su più oggetti o superfici piastrellate.

Benjamin Brosdau, Berlino

Mehdi Sohrabi

David de las Casas, Madrid

AZP Studio, Firenze | Korg MS-20

Benjamin Brosdau, Berlino

Toni Fresnedo, Barcellona

Mihai Iliuta, Nizza

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
Slider

Gestione della luce con Maxwell

Illuminazione globale

Maxwell calcola tutte le possibili interazioni fra la luce e gli oggetti presenti nella scena, dalla usuale illuminazione diffusa indiretta (come la maggior parte dei software di rendering) a scenari di illuminazione molto più complessi come l’indirect glossy caustics causata da oggetti volumetrici.
L’illuminazione globale interagisce con le superfici e con gli strati sottostanti per produrre traslucenza ed effetti di sub-surface scatering. Interagisce anche con lo spazio tra agli oggetti (causando assorbimento e scattering) e con tutte le combinazioni possibili sulla scena.

Simulazione di caustiche complesse realistiche

È possibile simulare qualsiasi scena contenente caustiche complesse che includano riflessione e rifrazioni prodotte da luce diretta e indiretta, da materiali dielettrici, plastiche e metalli lucidi, senza alcun limite sulla natura o sul numero di caustiche calcolabili.

Aleksei Kononov

Maxwell Multilight™

Un solo rendering, tutte le luci che volete.
Grazie a Maxwell Multilight™ è possibile salvare infinite variazioni di illuminazione ricavandole da un singolo rendering: non sarà più necessario effettuare di nuovo il rendering dell’immagine solo per cambiare l’intensità di una luce, alternare sorgente luminosa, accenderne o spegnerne altre, non si tornerà più alla scena per effettuare queste modifiche. Benvenuto in Multilight!

Benefici

Lavorare meglio e più velocemente modificando le luci prima e dopo le finiture di rendering.
Illimitate configurazioni di illuminazione in tempo reale.
Creare un catalogo di illuminazioni per il vostro cliente.
Aggiornare automaticamente il catalogo con posizioni differenti di illuminazione o di geometria.
Play Video

Calcolo della luce e proprietà dei materiali

La maggior parte dei motori di rendering produce i loro calcoli in uno specifico spazio colore (tipicamente RGB): questo è però fisicamente errato.
Nello sviluppo di Maxwell si è scelto di riprodurre il mondo reale, considerando la luce come un’onda elettromagnetica definita tramite una frequenza spettrale, con un range che va dagli infrarossi agli ultravioletti. Al termine della procedura di rendering, ogni pixel dell’immagine di output contiene differenti quantità di energia spettrale, che viene captata dalla pellicola della macchina fotografica virtuale o dalla retina dell’osservatore.
Maxwell archivia queste informazioni in uno speciale formato proprietario chiamato MXI. Il prodotto finale desiderato è una interpretazione e una sensazione delle differenti frequenze che arrivano alla pellicola o alla retina. Maxwell 4 simula questo processo e trasforma le misure spettrali in un formato colore noto come XYZ, RGB ecc.

Emettitori di luce reali

Maxwell è basato sulla fisica reale e usa solo oggetti di dimensioni maggiori di zero ed emettitori di luce che emulano il mondo reale. Questo approccio produce un forte livello di realismo in confronto ai motori di rendering tradizionali che producono ombre più liscie.
Un’altra importante caratteristica del motore di rendering di Maxwell è il numero di luci che possono essere inserite nella stessa scena. Molti degli altri motori di rendering non possono gestire un numero elevato di luci area senza significative perdite di prestazioni. Le fonti luminose in Maxwell sono definite invece tramite le loro caratteristiche spettrali.
Maxwell incorpora inoltre un simulatore fisico dell’illuminazione che deriva dal cielo, con la posizione del sole definibile per località geografica e ora del giorno, in grado anche di simulare condizioni particolari di illuminazione, come luce lunare ed effetti atmosferici.

Invisive

Principali caratteristiche di Maxwell

winzenrender

Basato sulla realtà

Realtà significa risultati affidabili ed attendibili già dai primi test di rendering. Con Maxwell Render è possibile concentrare tempo ed energie nel realizzare la vostra visione, senza confondersi con una nebulosa terminologia di computergrafica che richiede complesse ed infinite regolazioni dei parametri.
Maxwell

Denoiser

La funzione Denoiser fornisce risultati da due a sei volte più rapidi, ottenendo una qualità superiore a un livello di campionamento inferiore. Scopri il funzionamento in questo tutorial o leggi la documentazione.

Contact

Ray tracing avanzato

La superiore tecnologia di ray tracing che è alla base di Maxwell Render è così potente che è in grado di simulare la luce esattamente come nel mondo reale. Nessun trucco. Proprio la fisica del mondo reale. È per questo che Maxwell Render è il punto di riferimento per quanto riguarda la qualità di rendering.

Mihai Iliuta

Modello di fotocamera realistico

La fotocamera in Maxwell Render ha tutti i parametri che ci si aspetterebbe in una vera e propria macchina fotografica: regolazione del diaframma e tipologia di lamelle, lunghezza focale, velocità dell’otturatore, sensibilità e dimensioni della pellicola. Ciò significa che profondità di campo, zone fuori fuoco ed esposizione combaciano alla perfezione con le vostre riprese dal vivo, rendendo la fase di composizione molto più veloce e semplice.

Erick Sakal

Impostazione veloce delle scene

Il tempo macchina è meno importante e molto meno costoso di quello umano. L’intero approccio di Maxwell Render (sistema di ripresa della scena, emettitore e parametri materiali) è stato sviluppato per farvi risparmiare tempo sui vostri progetti, restituendo risultati accurati e attendibili. Non sprecate tempo prezioso nel regolare decine di parametri, basta impostare la scena con le semplici impostazioni Maxwell e passare al prossimo progetto!

Rendertaxi

Multilight™

L’acclamata funzione Multilight™ elimina la necessità di effettuare di nuovo il rendering dell’immagine quando è necessario modificare le luci della scena. Multilight™ consente di modificare l’intensità di luci ed emettitori presenti nella scena durante e dopo il processo di rendering; in questo modo è possibile modificare l’illuminazione più e più volte, salvando molteplici immagini a partire da un singolo rendering.

Maxwell

Assistente materiali

Un editor di materiali rapidissimo in grado di creare basi di materiali permette di risparmiare tempo prezioso. Scegliete una categoria e l’assistente vi aiuterà a creare materiali ottimizzati per la vostra scena in pochi secondi!

Maxwell

FIRE: anteprima interattiva della scena

Maxwell FIRE fornisce un riscontro immediato durante il rendering per controllare i parametri di illuminazione, i materiali e le impostazioni della fotocamera. A differenza di altri sistemi interattivi di rendering, Maxwell FIRE è compatibile con tutti i materiali e le caratteristiche di Maxwell.

Dan Abrams

Intuitivo

Il sistema Maxwell Material utilizza componenti che possono essere sovrapposti come livelli in un programma di editing di immagini, garantendo una massima semplicità d’utilizzo. I materiali, basati sulle reali proprietà ottiche, creano un realismo senza eguali.

Matt Hermans | Fuel VFX

Istanze

Le istanze sono un ottimo sistema per risparmiare memoria durante il rendering. Con 10mila istanze di uno stesso oggetto, Maxwell Render utilizzerà la stessa quantità di memoria in fase di rendering come se stesse renderizzando esclusivamente quel singolo oggetto. Le istanze sono eccezionali per la creazione di vegetazione, mattoni, mobili o qualsiasi altra geometria ampiamente ripetuta nella scena.

Kurt Singstad

Rappresentazione fisica del cielo

Il sistema di cielo fisico in Maxwell Render utilizza un nuovo approccio che offre una vasta gamma di parametri fisicamente corretti e basati sulla vita reale per controllare l’aspetto del cielo e l’illuminazione nella scena. È possibile controllare la propria posizione sulla Terra (il luogo e l’ora), l’aspetto del sole e le condizioni atmosferiche.

Maxwell

Erba e pelliccia

Il generatore di erba in Maxwell Render consente di creare rapidamente tappeti erbosi su una zona selezionata della geometria. Progettato per offrire il massimo controllo sulle caratteristiche della erba, dai dettagli impeccabili su primi piani al rendering rapido per le zone più lontane dalla fotocamera. Compatibile con Maxwell Studio e quasi tutti i plugin supportati.

Maxwell

Campionamento supplementare

Quando si esegue il rendering di un’immagine spesso può capitare che in alcune zone della scena si concentri un eccessivo rumore residuo, a causa di particolari caratteristiche di illuminazione o di materiale. Con la nuova funzione di campionamento Extra è ora possibile definire una specifica area dell’immagine da rendere ad un livello di campionamento più elevato rispetto al resto, praticamente applicando tutta la potenza di rendering nelle zone dove più è necessario, per un rendering più intelligente che consenta anche un notevole risparmio di tempo.

Mikael Pettersson

Scripting Python

Maxwell Render possiede un Software Development Kit basato su Python con documentazione in linea. Con Python avrete accesso a quasi tutte le caratteristiche di Maxwell Render, e sarete in grado di scrivere strumenti personalizzati come ad esempio l’estrazione di determinati canali da una sequenza MXI, il rendering di una animazione ciclica di tutte le risorse di scena per una facile referenziazione, la creazione di materiali in tempi rapidi, la gestione del network rendering e molto altro ancora.

Mihai Iliuta

Capelli

Lo strumento per il rendering di capelli di Maxwell Render è compatibile con molti dei sistemi di capelli più popolari (Maya Shave and Haircut, Maya hair, 3ds Max hair, CINEMA hair, o Ornatrix). I complessi di capelli vengono convertiti automaticamente in primitive Maxwell, altamente ottimizzate per il risparmio di memoria e la velocità di rendering. Le primitive hanno un spessore effettivo, in modo da poter applicare un materiale Maxwell, compresi materiali trasparenti e rifrangenti.

Pixar

Pixar Open Subdiv

La funzione di suddivisione consente di trasformare gli oggetti a basso numero di poligoni in superfici lisce, grazie all’implementazione delle OpenSubdiv di Pixar. Poiché la suddivisione della geometria avviene solo in fase di rendering, i file di scena occuperanno molto meno spazio e potranno ad esempio essere trasferiti molto più velocemente nel caso di un network rendering. OpenSubdiv è di proprietà di Pixar. ©Pixar. Tutti i diritti riservati.
Paolo Velcich

Motion blur 3D accurato

Il motion blur 3D di Render Maxwell è ora in grado di gestire un numero illimitato di sotto-fasi e può essere applicato ad una macchina fotografica, simulando gli effetti della lunga esposizione come i percorsi di luce, o ad una telecamera, per applicare l’effetto di motion blur ad oggetti in rapido movimento. La quantità di sfocatura è controllata direttamente dalla fotocamera, tramite il tempo di posa o la rotazione dell’angolo dell’otturatore.

Maxwell

Maxwell Sea

Maxwell Sea crea superfici oceaniche realistiche e onde basate sulle Ocean Statistical Spectrum di RealFlow. Vari parametri come profondità e dimensioni superficiali consentono di produrre una superficie d’acqua convincente, per realizzare superfici ridotte come piscine o ampie come il mare aperto. La superficie mesh viene generata solo in fase di rendering, il che significa che non occupa spazio extra nel file .MXS

Maxwell

Volumetria

L’attributo volumetrico in Maxwell può operare in diversi modi, come un oggetto volumetrico a densità costante, utile per i grandi effetti atmosferici o nebbia molto fitta. È compatibile con i sistemi particellari di diversi formati, tra cui RealFlow.bin e anche con i campi di densità / voxel direttamente da Maya o Houdini.

Maxwell

Alembic

Il formato di file Alembic consente una memorizzazione molto efficiente di geometrie e altri dati della scena, che ora possono essere referenziati direttamente in Maxwell. Il supporto per Alembic comprende geometrie statiche ed animate, così come particelle. È compatibile anche con la suite di plugin Alembic di CRATE Exocortex.

Maxwell

Deep Compositing

Maxwell può renderizzare nel formato deep image, in grado di comprendere sia il colore sia le informazioni di profondità per ogni pixel, rendendo molto più semplice combinare assieme oggetti ed eliminare problemi dovuti agli artefatti, soprattutto nei contorni degli stessi. È possibile salvare le informazioni di profondità in entrambi i formati .EXR o .DTEX, in RGBA o alpha.

Maxwell

Networking rendering

Le potenti funzioni multi-piattaforma di gestione della rete di Render Maxwell consentono una combinazione di Windows, macOS e Linux nella stessa rete. È possibile impostare Maxwell Render per eseguire il rendering di un’immagine utilizzando tutti i computer, o impostare ogni computer per il rendering di singoli fotogrammi, garantendo un controllo completo ed un’ottima flessibilità operativa.

Lumiere

Integrazione RealFlow

Maxwell Render è direttamente compatibile con RealFlow™ di Next Limit, i cui utenti hanno ora la possibilità di utilizzare Maxwell come motore di rendering. Il rendering delle particelle di RealFlow™ può essere elaborato direttamente in Maxwell Render, calcolando la mesh della nuvola di punti in fare di rendering.

Maxwell

Precisione

Precisione significa essere sicuri che le simulazioni rifletteranno veramente la realtà. L’incredibile accuratezza di illuminazione di Maxwell Render garantisce che i materiali verranno resi nel modo in cui ci si aspetta e ogni dettaglio di texture e modelli avrà un ruolo nel far prendere vita alla vostra scena.

Stefan Rosenkranz | Mihai Iliuta

Custom alpha

Create illimitati livelli alpha e aggiungete qualsiasi oggetto a questi livelli, che vi consentiranno di isolare esattamente gli oggetti dei quali avete bisogno.

Studio Clip

Pronto all'uso

Potrete accedere gratuitamente a centinaia di materiali pronti per l’uso grazie alla libreria on-line aperta a tutta la comunità dei nostri utenti.

Mike Verta

Plugins di postproduzione

Sono disponibili plugin per NUKE, After Effects e anche per Photoshop, che può importare il formato high dynamic range di Maxwell Render (MXI).

REQUISITI MINIMI HW E SW

Windows 7 / 8 o 8.1 / 10
CPU: 64-bit Intel o AMD
RAM: 4GB minima; 8GB raccomandata
Scheda video OpenGL® accelerata
Mouse a tre pulsanti

macOS 10.10 / 10.11 / 10.12 / 10.13
CPU: Intel
RAM: 4GB minima; 8GB raccomandata
Scheda video OpenGL® accelerata
Mouse a tre pulsanti